Massimiliano Pogliani


Massimiliano Pogliani, laureato in Economia e Commercio, ha una lunga carriera manageriale in aziende sia italiane sia internazionali. Dopo un lungo periodo all’estero, è tornato in Italia per ricoprire il ruolo di Amministratore Delegato in illycaffè.


La scelta dell’Università Cattolica è stata significativa nel suo percorso formativo e professionale?

La formazione ricevuta all’Università Cattolica è stata fondamentale: mi ha dato una preparazione solida e di ampio respiro. Una preparazione che definirei “diesel”, perché per una persona incline a guardare al lungo termine, un percorso solido riesce a dare fondamenta valide per tutto il percorso di vita e di carriera. Io mi sono laureato in Economia e Commercio, indirizzo Gestione e Amministrazione: quindi una specializzazione focalizzata sul marketing e sul commerciale. Eppure, grazie alla formazione completa e versatile sviluppata in Cattolica, ho potuto ricoprire ruoli diversi. Il mondo d’oggi, e non solo nel lavoro, richiede costante eclettismo: la capacità di connettere differenti expertise, abbracciare più ambiti, adattarsi alla rapidità dei cambiamenti sapendo prescindere dalla propria specializzazione. La preparazione che ho ricevuto in Cattolica mi ha permesso di sviluppare queste attitudini.

Qual è stato il suo percorso professionale?

Una volta laureato, ho iniziato il mio percorso professionale in aziende sia italiane sia straniere, seguendo anche alcuni progetti internazionali fino a quando mi sono definitivamente trasferito all’estero, in Svizzera, per lavorare in una grossa multinazionale. Dopo 10 anni in Svizzera mi sono trasferito a Londra, dove ho lavorato per altri 5 anni. Nel 2016 sono ritornato in Italia, attirato dall’opportunità di assumere la guida operativa di un’azienda leader mondiale di qualità, la illycaffè, di cui sono Amministratore Delegato.


È possibile riscontrare un valore identitario di una formazione cattolica?

Per me l’essere Università Cattolica ha un senso profondo nella formazione della persona nella sua interezza e nella coltivazione di valori che preesistono e presiedono alle competenze manageriali. Solo per fare un esempio, gli esami di Teologia non sono uno scontato passaggio dovuto: aprono una prospettiva diversa anche a chi non è credente o praticante: illuminano e completano il ciclo di studi, collocano il sapere in un contesto non contingente. Insegnano la filantropia, il rispetto dell’altro, l’economia come scambio e crescita comunitaria e non come mera transazione utilitarista o, peggio, prevaricazione egoista sul più debole o meno attrezzato.


Da alumnus, si sente ancora legato alla sua università? Esiste un possibile scambio tra l'Ateneo e i suoi Alumni?

Dalla mia laurea, oramai lontana nel tempo, la Cattolica è sempre rimasta nel mio cuore. Ritornarvi è sempre un tuffo al cuore. Ho sempre sostenuto la qualità e il valore dell’ateneo, tanto che ho spinto mio nipote a studiare Economia in Cattolica come feci io. Ha già conseguito la laurea triennale con lode e continuerà con il percorso magistrale. Mi emoziona rivedermi in lui. Da ex studente, credo che molto si possa fare per coltivare e rafforzare la community e darvi più visibilità. Il futuro della Cattolica si fonda anche sull’esperienza, l’amore e l’orgoglio di chi ne è uscito, e non cessa di sentirsene parte.

 



Massimiliano Pogliani è intervenuto durante l'Open Day della Facoltà di Economia e Commercio, che si è svolto il 12 maggio 2018 nella sede meneghina di Largo Gemelli, 1.